parole e immagini

Addosso

Ti sto addosso
adesso
asola su bottone
le dita a cercare
la pelle segreta
 
tu ti slacci
asola da bottone
lembi scostati di una ferita
in via di guarigione.

Mi sei stato padre
putativo
per consanguineità di valori.
Come Giuseppe
mi hai insegnato a piallare il legno
a ricavarne il buono
e il giusto.
 Alle tue spalle come ombra
la sua profezia
e quando hai ingiunto di regalare il mantello
si è rivelata.
 
Ad allontanarci la reciproca intransigenza
e l’occhio malevolo
che hai scelto di ascoltare.
Non ti ho ancora perdonato
che a un padre non si perdona mai
quel che appare
Tradimento.
Ma oggi ho sognato di tenerti la mano.

Ti chiamo col tuo nome primitivo

mentre scivoli

nel mio sangue

e nella notte

il tuo sudore è rugiada

io terra arsa

e  perduta.

Venti di luglio

Come albero
squarciato
il corpo muto
disteso
offeso.

Le braccia piene
tese
indifese
come rami in fiore.

Questo l’oltraggio.

Qui la dura fragilità,
estrema giovinezza,
giace
in ostaggio.

Portami il gambo di una rosa
una pietra fragrante di mare
per fare colazione basterà

portami una spiga senza grano
e il grido di un gabbiano
mi sazierà

ma non portarmi incenso
campane già sentite
o finte giovinezze
leggimi piuttosto i tuoi pensieri
a voce alta
e mi sfamerò.

One response to this post.

  1. poesia dedicata a Carlo Giuliani

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: