Segni & Disegni

questo post sta in bozze da giorni, non riesco mai a finirlo, a perfezionarlo caome volevo io, m mi sono stufata e lo pubblico così se no diventa vecchio.
 
Questo 2009 si preannuncia, per me, come un anno importante e molti frutti verranno a maturazione. O almeno lo spero. Spero sia un anno di cambiamento, perché il cambiamento è vita.
 
Intanto l’anno è cominciato con una trappola. Un messaggio con esplicita richiesta d’aiuto: sto male, ti posso chiamare?
Dopo le minaccie e le denuncie, questo.  Non è stato facile, ma alla fine nemmeno troppo difficile non rispondere, ma non ho risposto e alla fine sto meglio. Ho sconfitto un fantasma e mi sento più forte e più leggera.
Devo dire che ho avuto due colonne d’ercole che hanno impedito alla mia "sindrome da candy candy" di prevalere. Grazie, come sempre, all’husband per la sua comprensiva fermezza, e a Lv che si è trovato per caso e ha saputo farmi gli esempi giusti.
Un segno: rendere più leggero il passato per rendere più leggiadro il presente.
 
A proposito di candy candy… vi ricordate Julie? per rinfrescarvi la memoria leggete qui.
Bene la sorpresa di questa fine anno che ha strascichi in questo 2009 è che il 24 ho ricevuto una telefonata a carico. Era lei, julie.
Per farla breve, ora ci sentiamo spesso. Ha imparato l’italiano abbastanza bene e mi ha raccontato un po’ della sua storia. Ora si trova in buone mani, in un istituto di suore, da quel che ho intuito è stata tirata fuori in tempo (almeno spero) da un brutto giro in cui la stavano facendo entrare. Il mio desiderio è di andarla a trovare e sto cercando di muovere le mie carte perché la situazione non è semplice e ci sono di mezzo giudici, ordinanze e suore. Ci vuole molta prudenza e capacità di non farsi coinvolgere troppo. Si tratta di una situazione nuova per me ma sento che devo mettermi in qualche modo in gioco. Mi sembra importante. Sto cercando il modo di arrivare a lei. Perché, mi hanno chiesto in molti. Non so, sento che potrei darle una mano anche se non so bene come,
Un segno e un disegno: a volte c’è una risposta anche alle domande non formulate.
 
Altro incontro, altra storia che mi porto dal 2008.
Per caso, proprio grazie al mio blog ho conosciuto Maria Pia. Lei ha scoperto il mio blog cercando qualcosa sulla Palestina. Ci siamo scambiate alcune impressioni, è nata una simpatia. Ci sta a cuore la stessa cosa. Poi, a Natale, ecco lo scempio di Gaza Cty. Il marito di maria pia è palestinese e tutta la sua famiglia vive lì, nei pressi di Askelot e sua suocera è originaria di Hebron, territori occupati. La simpatia si fa più forte. Può diventare amicizia anche senza conoscersi.  E forse, chissà, in questo 2009 ci conosceremo. A me sembra una cosa bella.
Un segno e un disegno: se ami il mondo il mondo si fa amare..

2 responses to this post.

  1. Posted by Maria Pia on 12 gennaio 2009 at 02:22

    Mella… Auguri per i tuoi disegni!Posso chiamarti anch\’io Mella?

    Rispondi

  2. Posted by Unknown on 12 gennaio 2009 at 13:48

    bah. sai cosa? gli altri mi interessano. ma sono anche molto riservata per cui poi raramente agisco come vorrei. quando lo faccio succedono cose, spesso belle. puoi chiamarmi mella. è così che mi chiamo quando parlo con me stessa🙂

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: