take it easy

Take it easy, è quello che mi dice Frederic. E sarà che ha ragione.
In effetti in questi giorni va meglio. Me lo sto ponendo come obiettivo di pensare positivo.
Zabù ce lo siamo portato a Pantanagianni. Io sto più tranquilla e mi sembra che anche lui stia tranquillo. Sta tutto il giorno nel suo trasportino e si nasconde sotto il letto quando sente passi che non conosce. Quando ci siamo noi ci fa le FUSA a gogò. Di notte rompe le scatole, come al solito. E noi a spiegargli che non è il caso di dimostrarci il suo affetto e la sua contentezza proprio di notte.
Certo, a vederlo non sembrerebbe un gatto con il bacino fratturato in 2 punti e la coda lussata. E per questo ci ha ingannato tutti. Un po’ mosciarello sta. E poi zoppica e la coda la trascina come fosse morta. Ad ogni modo gli sto dando le medicine ogni giorno. Con la santa pazienza io e l’husband gli sbricioliamo la compressa, la nascondiamo nell’omogeneizzato per bambini (gusto preferito: spigola con verdure) e poi lo imbocco col cucchiaino. Eh sì, lo stronzo si fa viziare. Vabbè dai, finché deve prendere le medicine ci sta. Ah prende pure le gocce omeopatiche di Arnica. Bisogna aspettare.
I lavori a casa procedono. No so quando finiranno, a questo punto sono rassegnata al peggio.
Ma sta diventando fondamentale per il mio equilibrio mentale tornare a casa, alle nostre abitudini, alla nostra alimentazione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: