pigrizie

Scusate, è un periodo intenso: molti pensieri, molte cose da fare, molto caldo. In sintesi poco tempo e poca voglia di scrivere.
Mi sento un po’ sospesa, come in perenne attesa che succeda qualcosa. E non sono solo i lavori di casa. Almeno credo. Qualcosa che mi fa svegliare ogni mattina alle prime luci dell’alba e non mi fa riaddormentare, nonostante il sonno, tanto sonno. Capita.
Di bello c’è che sto andando al lavoro in bicicletta. Ci metto 8 minuti invece di 15. E poi è più piacevole che farsela a piedi la strada sotto il sole. Mi ricorda i vecchi tempi. Sembra passata una vita (ed è passata) da quando andavo in bici alla meridiana, al lavoro cioè. Solo che da casa mia alla casa editrice erano 5 minuti a piedi, quindi quando prendevo la bici allungavo di molto la strada, mi facevo un bel giro. Era bellissimo quando uscivo presto di casa, andavo al mare, a volte facevo il bagno, e alle 9 ero in ufficio, col costume sotto. Ero giovane e non lo sapevo. Eppure continua a sembrarmi più sensato andare in ufficio a piedi piuttosto che in macchina.Voglio dire visto che sono così fortunata da lavorare a un quarto d’ora da casa. O sbaglio? Qualche volta, ok, la macchina ci sta perché no. Ma ci sono colleghe, ho scoperto, che abitano alla stessa mia distanza o anche meno dall’ufficio e prendono ogni giorno la macchina. Quattro volte al giorno. Scusate ma a me non sembra normale. A parte la salute (dopo 8 ore col culo sulla sedia lo vogliamo muovere o no?), vuoi mettere i costi? la benzina, il gasolio non si possono toccare in qs periodo e sarà sempre peggio. Eppure io sono considerata strana, alternativa, new age solo perché vado a piedi o, peggio, in bici. Sarà…  Per non dirvi di una collega che prende ogni giorno l’ascensore per venire in ufficio. Siamo al primo piano!!! Che dite, chi è la strana?
Tornando a me, non sto nemmeno leggendo. Mi sto facendo leggere dall’husband Contagio di Valter Siti. Forte. Figo! come direbbero le mie colleghe…
Poco cinema. Ho visto Gomorra. Grande film. Nei prossimi giorni vogli andare a vedere IL DIVO di Paolo Sorentino  e poi, una nota di frivolezza, non voglio perdermi Sex and the City. Forse riesco a organizzarmi con silvana, perchè l’husband sono sicura che non reggerebbe nemmeno un tempo del film…
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: