resoconto

Quando passa troppo tempo senza scrivere mi sembra più difficile farlo. Non che non ne siano successe di cose in questo periodo. Anzi forse anche troppe e mi sembra faticoso riassumerle. Che poi non è che in un blog si debba scrivere tutto quello che accade e tutto quello che si pensa. Anche quando scrivevo il diario da bambina, no scrivevo tutto, e spesso, a dire la verità, modificavo un po’ le cose perché temevo sempre che qualcuno potesse leggere e ci tenevo a fare una buona impressione.
Però stasera ho tempo, l’husband sta sicuramente rompendosi qualche gamba sui campi di calcetto. In più io mi devo un po’ riposare, almeno cercare di non stare in piedi per un problemino che ho la gamba. No, non il solito ginocchio tempestoso ma uno strano ematoma che mi percorre la gamba e mi rende pesante camminare e persino stare in piedi. Stamattina sono andata dall’angiologa per un controllo, è insomma, boh, ematoma interno, un problema linfatico… niente di grave insomma, cremina, pillolina e riposo e dovrebbe passare. Riposo appunto.
Domenica scorsa siamo stati in "gita" a Napoli, a trovare padre Alex Zanotelli. Una mezza giornata passata con lui è un’esperienza importante, almeno per me che in questi ultimi mesi mi sto interrogando sul rapporto con l’ambiente, col cibo, con gli animali, sul problema dei rifiuti, sul problema dell’acqua: domande che rimangono spesso sospese per mancanza di interlocutori seri. Le persone di soltio quando sollevi un problema di questi ti dicono cose tipo "ma tanto non serve a niente", "ma allora non dovremmo mangiare niente", "ma io non posso bere l’acqua del rubinetto"… Queste non sono risposte ma pretesti per non parlare, per non mettersi in discussione, per non rinunciare a niente delle nostre comodità. Faccio bene io allora che mi chiudo sempre di più…
Molto bella è stata la messa detta da padre Alex, colorata, allegra, partecipata… Vale per tutte le messe a cui non vado.
In queste settimane stiamo andando un po’ in giro per la casa. Ci stiamo dedicando al bagno perchè è fondamentale sapere prima che ci comincino  a lavorare cosa ci devi mettere. Dalle piastrelle ai sanitari ai rubinetti al box doccia. Tutte le altre cose possiamo rimandarle, anche rinunciarvi perchè la disponibilità, i soldi insomma, quelli sono. Ma ai bagni bisogna pensarci. Che poi a noi sono due. Abbiamo visto delle cose incredibili. Ci sono piastrelle (e pavimenti) in pietra, in metallo, i legno, in vetro… c’è l’effetto seta, l’effetto spugna, l’effetto legno, l’effetto velluto, l’effetto sughero, l’effetto perlato, l’effetto bagnato… Ci sono le lamine di rame, di bronzo, in madreperla, in cristallo swarovsky… Dovreste vedere la faccia dell’husband. Non credeva ai suoi occhi. Ma noi cerchiamo delle piastrelle semplici, semplici. Forse le abbiamo trovate. Si può rifare un bagno, anche due, senza rimetterci la pellaccia. C’è ancora tanto da fare prima che inizino questi benedetti lavori e non so da che parte cominciare. Però un passetto alla volta si andrà avanti e anche se dovremo rinunciare a quelche sfizio (tipo l’accesso diretto al terrazzo), fra non molto potrete venire tutti a trovarci tranquillamente ed esser ospitati al piano di sopra. Rimane anche il pallino del B&B ma ora è prematuro parlarne.
Ultima cosa per ora. Ve l’ho detto che sono diventata la redattrice ufficiale per la mia azienda, la redattrice preferita del boss.  Che onore eh? Dovreste vedere le cose che mi fa scrivere: articolo per adnkronos (e fin qui…), lettera di accompagnamento di una rivista omaggio alle camere di commercio, lettera i vecchi clienti per informarli dei nuovi servizi attivati gratuitamente per loro. Oggi se ne viene con una lettera commerciale per presentare un prodotto che ancora non c’è, diciamo che c’è l’idea però noi cerchiamo inserzionisti. A parte che io non so vendere… ma che gli vendo a questi? che gli dico? Davvero non so che scrivere. E mi viene da ridere perchè è come quando mio padre mi faceva ( e fa…) scrivere i bigliettini di auguri o condoglianze per amici suoi che io non conosco solo perché io so scrivere! Ecco il boss si è fissato che io so scrivere e mi fa scrivere di tutto.
Io prendo tutto come una sfida, senza nemmeno prendermela troppo a cuore. Io ci provo, vediamo come va. Chissà quale sarà la prossima mission impossible che mi affiderà. AH, che c’è anche da dire che questa volta mi ha ricevuto nel suo ufficio e mi ha anche detto di non preocuparmi che avevo tempo "non è che me la devi fare adesso… anche lunedì mattina alle 9 mi sta bene…" Sì, certo.
Altro che TUTTA LA VITA DAVANTI. A proposito ho visto il film ma ne parlo in un prossimo post "culturale". Ora ho da preparare la cena. Anche la pancia vuole essere nutrita, non solo la testa.
Però  voglio solo dirvi una cosa bella. Carina diciamo. Sono quasi riuscita a rintracciare un amico, un ragazo che ho conosciuto dieci anni fa in una occasione particolare. Ci siamo scritti per un po’, lettere-lettere che internet c’era ma non era così diffuso. Ci siamo anche rivisti ma poi ci siamo persi. Ho trovato in rete una parocchia dove ha suonato a Natale, era un bravo chitarrista. Ho scritto al parrocco, il quale è riuscito a procurarmi il numero della sua fidanzata che ho conosciuto e che ora è sua moglie. Non le ho ancora scritto… sto emozionata.

4 responses to this post.

  1. Posted by tiziana on 12 aprile 2008 at 15:00

    che bello, quante novità… me le spieghi tutte meglio di persona a milano.
    avete prenotato?
    portatemi anche quanlche foto delle piastrelle e sanitari che scegliete. anche fatte col telefono vanno bene.
    bacix

    Rispondi

  2. Posted by Unknown on 13 aprile 2008 at 02:44

    tiz, purtroppo non ce la facciamo per questo ponte. il motivo principale è che l\’hisband ha cominciato il corso per l\’ano di prova e ha gli incontri di venerdì e nn può fare nemeno un\’assenza. stiamo vedendo per il 1 maggio (ma io non so ancora se il 2 lavoro) o addirittura per il 2 giugno. Voi che dite? per il 1 maggio sarebero 4 giorni pieni, per il 2 giugno due giorni. sempre se troviamo i biglietti a un prezzo relativamete modico. poi c\’è l\’incognita della casa… con le realtive preoccupazioni. Oggi siamo a sanvito.. ci sentiamo?

    Rispondi

  3. Posted by tiziana on 13 aprile 2008 at 03:19

    ho appena letto anche la mail… che dispiacere.
    cmq, sentiamoci più tardi. meglio se venite tardi che mai, no? però non vi sentite obbligati, ne?

    Rispondi

  4. Posted by Unknown on 13 aprile 2008 at 03:37

    no, che obbligati. ci va, ci va. ci farebbe anche bene. è che ci sono troppe incertezze. spero che nei prox giorni mi dicano almeno se il 2 si lavora o no. a dopo

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: