nonni

Oggi è la festa dei nonni.
Ai miei tempi non esisteva questa festa ma il 2 ottobre festeggiavamo l’onomastico di nonna Angela e questa data è rimasta nel mio cuore. Mi ricordo che la sera andavamo tutti a casa sua, figli e nipoti. Io ci andavo sempre volentieri, anche negli anni dell’adolescenza quando potevo avere di meglio da fare. Era un modo di ritrovarsi. Lei era sempre contenta e un po’ stupita di vederci quasi che lei non meritasse tanta attenzione. E ci accoglieva nel salone buono. Ricordo un grande tavolo di cristallo imbandito di dolci, il pianoforte su cui anche io (ebbene sì) mi sono esercitata con scarsi risultati, la foto del nonno sul buffet. E ricordo lei, seduta e sorridente, mite come sempre, vestita di nero, con i capelli a crocchia (ma che bello quando li scioglieva per pettinarseli, lunghi fino al sedere… unica civetteria che si concedeva).  Ecco, questo ricordo oggi mi ha fatto tenerezza, l’ho condiviso con mia madre al telefono e lei si è commossa.
Ricordo anche l’ultima volta che ci siamo trovati lì, a casa di nonna Angela. Dopo il funerale. Perché i nonni questo hanno di brutto, che muoiono. E lei morì nel 1991. Studiavo l’esame di geografia a casa sua, nei turni che facevo alternandomi con ziie e cugine. Mi ricordo che anche quella volta eravamo sereni, tristi certo ma sereni, come se la sua mitezza si fosse depositata su di noi. E mi ricordo la sua rubrica telefonica rossa, i nomi scritti con la sua grafia stentata, tutto regolarmente indicizzato. Per esempio  in corrispondenza della lettera L, lo ricordo bene, c’era scritto il numero di telefono de "LELETTRICISTA". Bella! la nonnetta mia…
Ecco,ho voluto condividere questo ricordo… 

2 responses to this post.

  1. Posted by SyLv on 3 ottobre 2007 at 07:26

    Vabbè e dovevi per forza farmi piangere?
    Io non ce l\’ho questo ricordo dei suoi nomastici, ma ne ho tanti bellissimi e dolcissimi. Come avrei voluto godermela per più tempo la mia dolce nonnina. Mite, è vero è il termne esatto. Io non mi perdonerò mai l\’unica volta che l\’ho trattata male.. si fa per dire.. e lei mica se la prese! Certo ero proprio una bambina piccola e molto stupida per mandarla cenare sulla lavatrice lontano da me perchè mi davano fastidio a cena le su mani "aggrinzite".. così le dissi… e lei buona buona se ne andò senza battere ciglio a cenare sulla lavatrice e io sul suo tavolo.. mentre vedevamo quel telefilm.. quello dove c\’era l\’attore col naso rosso!!

    Rispondi

  2. Posted by cinzia on 3 ottobre 2007 at 11:18

    "che naso che ha questo… però è simbatico"
    "cinzia, la nonn, mi vai a combrare il cip"
    meri
    ti sembra questo l\’orario per intristirmi? ma tanto sono sola in ufficio un bel pianto di commozione posso permettermelo. devo permettermelo.
    Silvana
    eri molto piccola e Lei lo sapeva. E Lei è sempre stata la Nonna per noi, e la Mamma per loro. Non ha mai fatto la nipote con noi, nè la figlia con loro.
    E\’ questo che ci rimane.
    Peccato per chi non l\’ha conosciuta.
    Indescrivibile la sua bontà.
     

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: