Effettivamente

ogni tanto latito dal blog. stavo un po’ giù e ho preferito evitare di angustiare il mondo intero.
Ieri è stata una bella giornata, intensa come quelle che piacciono a me e a cui sto perdendo l’abitudine. Treno monopoli-bari-trani, trani molfetta, molfetta-mononopoli. E nel mezzo sono passata dalla segreteria della scuola per prendere un documento che mi serve per avere la disoccupazione (sigh) e ho rivisto alcune alunne. Che bello, quando hanno saputo che andavo a Trani ci hanno tenuto a incontrarmi. Chi ha potuto ovviamente, qualcuna mi ha telefonato. C’era anche una mia collega molto in gamba con cui ho sviluppato un buon rapporto, è l’anziana del gruppo perchè ha ventanni di insegnamento ed è stata sempre molto carina con me novella. Credo che mi mancherà proprio il clima di questa scuola ma ho poche speranze di poterci ritornare l’anno prossimo. Figuriamoci, l’anno scorso era una cattedra di sole 5 ore al serale e non se la filava nessuno, giusto una sfigata come me ma quest’anno la cattedra è 10+10, sicuramente più appetibile, difficile che la lascino"libera" finché arrivo io. Davvero peccato. Piccolo magone. Ma  mi ci devo abituare, mi aspettano anni di precariato…
Poi a Molfetta ho fatto una passeggiata-chiacchierata liberatoria con la mia cara R. da quanto tempo.  Ma perchè poi ci vediamo così poco? me lo chiedo spesso perché a volte basta un piccolo sforzo. Diventa sempre più bella la mia cara R., e sempre più malinconica. Certo la vita è dura per noi pesciolini rossi con il mare pieno di squali. Ci hanno educato male. Ci hanno educato a pensare, a riflettere, a porci domande, a rispettare gli altri. E in questa società non va bene. 
La cosa buffa è che R si è presentata con un regalo per il mio compleanno. Una borsa identica, però celeste, a quella che mi ha regalato P. Una borsa mariellesca… sono così evidenti i miei gusti? possibile che mi si deve leggere tutto in faccia? non solo le emozioni ma anche i gusti. Eppure io credo di avere gusti non univochi. Mi piacciono le cose buffe e allegre, ma anche le cose serie, belle, eleganti. Noblesse oblige Amo i colori e ma amo anche il nero e il bianco puri.  Comunque l’abbiamo cambiata con un portafoglio che davvero mi serviva.
Ieri sera dulcis in fundo primo giro di perlustrazione con la GHIRONDA. Un po’ scocchiati all’inizio, direi che abbiamo visto bene solo due spettacoli e che spettacoli: equilibristi del Kenia e jazzisti del Camerun. Siamo rimasti fino alla due a sentire il concerto sul porticciolo. Che bella brezza. Stasera ci organizziamo meglio. Forse verrà qualche amico. Da Brindisi, da Molfetta. Io comunque ho preparato la sangria per tutti. Sta macerando da tre giorni… sarà buonissima.

22 responses to this post.

  1. Posted by SyLv on 28 luglio 2007 at 04:03

    Ci hanno educato male. Ci hanno educato a pensare, a riflettere, a porci domande, a rispettare gli altri.
    E in questa società non va bene. Condivido, ma non ci hanno educato, abbiamo fato tutto da sole.. 
     
    Io voglio andare alla Feltrinelli adesso, e tua sorella non vuole proprio venire a Roma.. io l\’ho vista così poco mannaggia.
    E poi l\’idea di quella spiaggia del cavolo.. uffi l\’abbronzatura sta andando via, ho le prime macchie bianch esul decoltè.. l\’estate sta passando e io pure.

    Rispondi

  2. Posted by luigi vittorio on 28 luglio 2007 at 05:01

    e ti pareva che non la cambiavi la borsa. ma allora è vero!! :)
    Pensare riflettere e rispettare sono uno stile di vita, che alla fine ci fa star bene. non ti ci vedo piena di soldi su uno yacht senza pensare riflettere e rispettare. e soprattutto non ti ci vedo non rispettata.
     
    Dai domani raccontaci bene della ghironda, fai un po\’ di promozione turistica, chissà che la prossima volta…
     

    Rispondi

  3. Posted by tiziana on 28 luglio 2007 at 05:30

    sono daccordo con lv che pensare riflettere rispettare alla fine ci fa stare bene . Non sono daccordo sull\’equazione precario=pensante/riflettente  benestante=arrogante/irrispettoso. 
    I soldi sono uno strumento, dipende da cosa ne fai, come li fai e che valutazione dai alle cose, cosa rende alta la qualità della vita. in italia abbiamo avuto regimi costruiti grazie alla ricchezza e al potere che ne deriva, non è un buon esempio. e mi rendo conto anche del fatto che sia difficile non farsi prendere dalla voracità dei consumi e che alla fine l\’unica preoccupazione e interesse resti la vacanza più vip o i locali alla moda.
    per fortuna non per tutti è così e non mi piace neanche che, solo perchè osserviamo una realtà perversa, ci convinciamo che l\’unico modo per non farne parte sia non avere denaro.
    mi sembra un discorso che in fondo dà ragione a chi vuole le suddivisioni in classi.
    dovremmo essere tutti messi in condizione di poter vivere "dignitosamente", il problema vero semmai è l\’assenza totale della meritocrazia.
    mi vengono i nervi quando penso che negli stati uniti, pur con tutte le sue contraddizioni, la meritocrazia è il criterio adottato in tutte le aziende. certo, non per filantropia, conviene economicamente mandare avanti i meritevoli. converrebbe anche a noi però!!
    ditemi che pensate…

    Rispondi

  4. Posted by Unknown on 28 luglio 2007 at 06:47

    Intanto… io mi ci vedo sullo yacht altrochè! Non è una questione di soldi. Non era questo che intendevo anche se, certo, i soldi aiutano. E anche parecchio. Sicuramente avrei qualche preoccupazione in meno ma non basterebbe a essere felice.  Voglio dire che sullo yacht sarei sempre un pesciolino rosso. E\’ importante il valore che dai alle persone, alle cose, anche ai soldi. A me non piace che ci sia chi ha troppo e chi non ha niente e mi piacerebbe un maggiore livellamento, pur conservando le diferenze perchè tutti uguali non siamo. Però ecco, la meritocrazia… non è giusto che se sei figlio di farmacista o notaio, per dirne una, hai il futuro assicurato e non importa quanto e se sei capace. Che si fa?

    Rispondi

  5. Posted by tiziana on 28 luglio 2007 at 06:59

    già, che si fà?
    per quanto mi riguarda, nel mio piccolo, ogni volta che ho l\’occasione di segnalare una persona meritevole lo faccio. e se un giorno ne avrò la possibilità, non tollererò intorno a me gente incapace messa lì da qualcuno per chissachè. non cambierà la società, ma se tutte le persone che ce la fanno da sole applicassero qsta tecnica, nel giro di un decennio la situazione migliorerebbe. ottimista? beh, è il sale della vita… 

    Rispondi

  6. Posted by Unknown on 28 luglio 2007 at 07:15

    speriamo. forse le persone quando "arrivano" si dimenticano di come è scalare. boh. però vedi in giro un sacco di incompeteni in tutti i campi. e non ci si può fare niente. che rabbia. vogliamo parlare dei medici? ma tu quando ti metti in proprio? secondo me potresti… e io vengo a lavorare lì. poss occuparmi di organizzare conferenze stampa, convegni ecc. o facciamo un nostro giornale… A proposito ma queste novità quando ce le dici? p.s. non ho cambiato nessuna borsa! ma non potevo tenerne due uguali…

    Rispondi

  7. Posted by Unknown on 29 luglio 2007 at 02:24

    mi dispiace non essere venuta da te  sabato.. è tutto  così complicato..e così diverso da quello che vorrei..
    vorrei venire da te in settimana.. così ce ne andiamo al mare insieme..anche lunedi o martedi.. fammi sapere se puoi..

    Rispondi

  8. Posted by Unknown on 29 luglio 2007 at 02:27

    e il nome non so perchè non esce.. :) sono io.. quella bella e malinconica, troppa grazia san corrado🙂

    Rispondi

  9. Posted by Unknown on 29 luglio 2007 at 02:43

    ciao bella e malinconica! se vieni ci facciamo una scorpacciata di mare. besos

    Rispondi

  10. Posted by luigi vittorio on 29 luglio 2007 at 16:33

     cara M
    non ti civedo sullo Yacht perchè… non ce lo hai!!🙂 scherzi a parte ha ragione tiziana,  i soldi sono uno strumento, dipende da cosa ne fai, come li fai e che valutazione dai alle cose.
    Ho passato un piccolo periodo della mia vita in cui non mancavano nè soldi nè potere. e ce la ho messa tutta per sfatare l\’equazione benestante=arrogante/irrispettoso. 
    ma resta ilfatto che non riesco proprio a immaginarmi mariella tutta impomatata chesi aggira su uno yacht sia con che senza ariada cazzo. che ci poso fare?
    e, comunque, volevo dire era "non ti ci vedo a non pensare/riflettere" e "non ti ci vedo non rispettata".
     
    p.s. "non hai cambiato nessuna borsa ma non potevi tenerne due uguali." e quindfi? la hai cambiata o no????? 
     

    Rispondi

  11. Posted by tiziana on 30 luglio 2007 at 02:35

    ciao lv, so che è difficile immaginare mariella in quella situazione, ma devi vederla quando andiamo da H&M per i saldi!! scopriresti un nuovo aspetto …. e ti assicuro che mentre ravana tra centinaia di magliette/vestitini/gonnelline pensa e riflette e si fa anche rispettare! :-))
    anch\’io non l\’ho capita quella delle 2 borse… l\’hai cambiata o no?
    bacino.

    Rispondi

  12. Posted by Unknown on 30 luglio 2007 at 05:09

    No, non ho cambiato la borsa e non è ne ho mai avuto intenzione (lo dicevo per sfottere P.) perchè mi è piaiciuta subito. Però R. me ne ha regalata una uguale e allora, insieme a lei, e con rammarico (non mi piace cambiare  i regali checchemenesidica, ma non mi pacciono nememno i regali sprecati), ho preso un portafoglio molto bello (mi serviva) e il colore lo ha scelto R. Contenti?Avevo capito il discorso di lv. Non è che serve lo yacht per farsi rispettare. Però io non ho lo yacht e, indipendentemente da questo, non sempre mi faccio rispettare. Però penso tanto… troppo forse… e sullo yacht continuerei a farlo e mi farei certe scorpacciate di libri e di sole… E se avessi tanti soldi mi comprerei tanti prodotti di bellezza e bei vestiti, altro che H&M. Ma sarei sempre me stessa, nè meno nè più felice.

    Rispondi

  13. Posted by luigi vittorio on 30 luglio 2007 at 05:59

    senti ma io mica ho capito.
    Ti regalano una borsa. tu non la cambi e ti prendi pero\’ un portafoglio. facendo scegliere, udite udite, il colore a chi te la dona. E la borsa che fine ha fatto? la prossima volta fai una lista, tipo lista di nozze, in un negozio!!!🙂🙂🙂
     
    magari metti in lista pure questo, cosi\’ chiudiamo il cerchio. E dopo ferragosto ci inviti tutti li sopra a pensare riflettere rispettare etc.: http://thumb18.webshots.net/s/thumb1/5/49/1/171054901CMfMNE_th.jpg

    Rispondi

  14. Posted by luigi vittorio on 30 luglio 2007 at 06:02

    il link punta a Octopus lo yacht più grande del mondo (di proprietà del cofondatore Microsoft ovvero Paul Allen)Yatch che al suo interno, a poppa, possiede una chiusa interna in grado di accogliere un\’altra barca. In più ospita tre elicotteri, 2 jet ski, 2 barche nascoste ai lati dell\’imbarcazione estraibili tramite vano apposito e verricelli.
    Ah, il pieno dell\’Octopus viene 5.mila dollari
     

    Rispondi

  15. Posted by tiziana on 30 luglio 2007 at 08:40

    io non lo voglio, non c\’ho posto dove parcheggiarlo … milano è congestionata, uff.

    Rispondi

  16. Posted by tiziana on 30 luglio 2007 at 08:44

    ah, mella… ti spiego, non è che non hai cambiato la borsa: non hai cambiato quella di p., ma se hai preso un portafogli al posto della borsa vuol dire che hai cambiato quella di r. Insomma \’sta borsa l\’hai cambiata, non girare intorno al pero!
    riguardo a H&M è talmente soddisfacente che ho deciso di vestirmi prevalentemente lì. tiè a tutti i marchi di moda costosissimi (il discorso non vale per le scarpe naturalmente, quelle DOVETE comprarle costose e del marchio su cui lavoro io, mi raccomando!). 

    Rispondi

  17. Posted by Unknown on 30 luglio 2007 at 09:12

     E quante storie per una borsa. Voi ne avreste tenute due uguali? Io comunque la lista dei regali che voglio la faccio sempre ma mai nessuno me la chiede. uffà. Ma… a proposito, tiz, ma dov\’è che lavori adesso? da H&M?🙂

    Rispondi

  18. Posted by SyLv on 30 luglio 2007 at 11:17

    Ma non lo avete capito che Mariella cambia sempre i regali
    soprattutto se sono borse (sempre, le borse sempre)
    e l\’avevo già scritta io sta cosa, mè.

    Rispondi

  19. Posted by tiziana on 30 luglio 2007 at 13:45

    ma allora a me è andata di culo pazzesco (scusate la sincerità)… che io sappia non hai mai cambiato le scarpe ti ho regalato fin\’ora. o si? o magari qualche sciarpa, guanto, boh… chi lo saprà mai?
    novità fresca di giornata… resto dove sono (senza fare pubblicità). domattina vado a firmare il nuovo contratto. per cui, se devo aggiustare il tiro  con i regali parlate ora o tacete per sempre.

    Rispondi

  20. Posted by tiziana on 30 luglio 2007 at 13:51

    e pensate quanto sono scema… stasera mi hanno chiamato per rilanciare ed io ho rifiutato per un fatto di "affezione"… ditemelo anche voi che sono CRETINA!! ma ripetetelo spesso, sennò mi dimentico e butto via soldi dalla finestra, idiota!! 

    Rispondi

  21. Posted by Unknown on 30 luglio 2007 at 14:29

    Beh, tiz, abbiamo detto che i soldi non sono tutto no? detto questo spero che dove sei ora (che è poi dove eri prima) ti riconoscano quel che meriti e vali non solo in termini economici. Se è così hai fatto bene perché non ti vedevo convinta del cambio. E a proposito di cambi, non è vero che io cambio i regali! Ho cambiato solo una volta una borsa che mi ha regalato papà perchè stavo cercando da mesi una bella borsa nera dato che ne avevo solo una marrone e lui me l\’ha regalata marrone. Quindi ho cambiato il colore. Però, seriamente, io credo che farei un torto a chi mi ha fatto un regalo spendendo dei soldi se questo si rivelasse inutile. Non so se mi spiego. E la borsa di P. non l\’ho cambiata era lei che insisteva "la puoi cambiare" ma se l\’ho messa la sera stessa! Comunque per i regali vai bene, non c\’è bisogno di aggiustare il tiro😉 besos

    Rispondi

  22. Posted by luigi vittorio on 31 luglio 2007 at 01:27

    Tiziana sbrigati a salire, prima che lo cambi, che magari non le piace il colore🙂 :-) 
     
    mairè il prosismo anno metti sul blog la lista, con tanto di prezzi e negozio? :-)dai scherzo. se divento ricco come il tipo di micorsoft te la compro la barca!!!!
    lv

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: