Caterina

Non avrei mai pensato che avrei potuto avere delle soddisfazioni dalla Scuola (e menomale, perché il resto della vita lavorativa è solo fonte di frustrazioni). E invece… ieri ho letto alle "mie ragazze" il libro di Carlotto sui figli dei desaparecidos Il giorno in cui Gabriel scoprì di chiamarsi Miguel-Angel. La maggior parte di loro non avevano mai sentito parlare di desaparecidos e dittatura argentina… ma non gliene faccio una colpa. Ho fatto una brevissima e superficialissima introduzione storica e ho cominciato a leggere il racconto. La vicenda di Gabriel-Miguel Angel le ha proprio com-mosse, la maggior parte sono mamme di figli adolescenti e chi meglio di loro può immedesimarsi nel dramma di una famiglia spezzata e di un ragazzo in cerca della sua identità.
Mi hanno chiesto altri libri da leggere sull’argomento.  A questo punto lascio perdere tutto il resto. Che ci frega del discorso diretto, delle sequenze narrative e tutta quella roba lì… è  questa la strada. La scuola non deve fornire solo contenuti ma anche consapevolezza. E poi in questo modo faccciamo contemporaneamente letteratura e storia.
Ero giò sulla soglia quando Caterina (e chi se lo sarebbe mai aspettato da lei? proprio l’altro giorno durante gli scrutinii un collega ha detto che se fosse stata una classe "normale", non un serale insomma, per lei avremmo chiesto il sostegno…) mi chiama con la sua voce squillante "Professoressa!" , "Dimmi…", "Grazie per averci letto questa storia".
Mi sono non dico commossa ma quasi. Grazie a te, Caterina. Ero rimasta dubbiosa ma ora ho la certezza: non hai bisogno tu del sostegno.
 
n.b. ho pensato di dedicare una pagina del mio blog a tutte o quasi le mie alunne. se ci riesco…
Annunci

2 responses to this post.

  1. Posted by SyLv on 16 febbraio 2007 at 11:41

    madò Marie\’  quanta povertà nella gente che Dovrebbe (perchè pagata) trasmettere qualcosa..

    Rispondi

  2. Posted by SyLv on 16 febbraio 2007 at 13:00

    io ricordo di avelo visto in edicola quel fumetto.. altrimenti come farei a conoscrlo?
    ricordo che mi ha incuriosito e se non sbaglio in quel momento non avevo soldi

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: