in treno

Viaggiare non è male. Si ha il tempo per pensare e per leggere.
Ne faccio di progetti mentre viaggio da monopoli a bari!
Ne penso di cose… ma poi quando arrivo in ufficio sono fagocitata dalla emergenze e dal fare quotidiano e non penso più.
In genere durante il viaggio di ritorno mi piace leggere, sono più rilassata.
Sto leggendo GLI UOMINI RAGNO di Scerbanenco, quello della Milano calibro nove.
Questi racconti sono ambientati nella Milano tra la prima e la seconda guerra mondiale, il ritmo è più lento ma, minchia, sono tosti anche questi eh! Bellissimi. Struggenti.
Stamattina né pensieri né letture edificanti. Sono capitata in mezzo a tre ragazzine, più o meno vent’anni.
Hanno chiacchierato per tutto il viaggio di
1. tinture di capelli e prezzi di parucchiere,
2. ragazze dei loro amici (tutte snob o stronze o furbe),
3. locali dove si balla,
4. locali dove si mangia,
5. raul bova (è stato a monopoli una quindicina di giorni: ahimè solo io non l’ho visto!),
6. cibarie.
Una ha detto testualmente: IO VIVO PER MANGIARE.
Molto istruttivo questo viaggio. Spero di rifarmi al ritorno.

One response to this post.

  1. Posted by SyLv on 29 agosto 2006 at 18:16

    IO MANGIO PER VIVERE

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: